Russia, prorogato il termine di scadenza
per l'etichettatura delle calzature

Russia, prorogato il termine di scadenza per l'etichettatura delle calzature
05 March 2020

E’ del 3 marzo 2020 la pubblicazione, da parte del governo della Federazione Russa, della Risoluzione n. 216 sul rinvio dei requisiti obbligatori di etichettatura per le calzature, obbligo che interessa produttori e rivenditori, per il sistema informativo di monitoraggio statale.

Con questo provvedimento, il governo russo ha di fatto prorogato il termine di conformità per l'etichettatura dei prodotti dal 1° marzo 2020 al 1° luglio 2020, in modo le imprese possano avere il tempo sufficiente per attuare il nuovo sistema di etichettatura.

Pertanto, dal 1° luglio 2020:

  • i produttori non saranno più in grado di importare o fabbricare calzature senza etichetta;
  • sarà vietato il commercio all'ingrosso e la commercializzazione di calzature senza etichetta
 
  • i produttori dovranno presentare al sistema di marcatura le specifiche informazioni sulla produzione, sull'importazione, sulla vendita all'ingrosso e sulla vendita di prodotti.

Permane dunque per i produttori stessi l’autorizzazione all’import di beni senza etichetta acquistati prima del 1° luglio 2020, se sono commercializzati prima del 1° agosto 2020.
Infine, l'etichettatura dei residui di scarpe prodotti o acquisiti prima del 1° luglio 2020 si intende autorizzata fino al 1° settembre 2020, previo possesso dei documenti che ne confermino la data di acquisizione.

Resta costantemente aggiornato sulle principali novità legislative da tutto il mondo in materia di compliance registrandoti gratuitamente qui.